Instagram, guai in vista: alcuni Stati USA indagano sui danni a bambini e adolescenti

L’obiettivo è “proteggere bambini e ragazzi dai danni che i social rischiano di causare loro”.

È stato un documento interno relativo ad Instagram la testa d’ariete con cui i “Facebook Papers” hanno fatto breccia nel discorso mediatico, con un polverone che ha colpito il colosso di Mark Zuckerberg e che non accenna a placarsi – a seminare le polemiche non basta, certo, il cambio di nome della società, che adesso è Meta.

E proprio il tema sollevato da questa prima breccia nell’opinione pubblica, ovvero il fatto che Instagram sia nocivo per i ragazzi e che Facebook pur essendone al corrente non abbia fatto nulla (o comunque non abbastanza) per rimediare, è al centro ora dell’indagine avviata da una coalizione bipartisan di procuratori generali di diversi Stati USA, e precisamente Massachusetts, California, Florida, Kentucky, Nebraska, New Jersey, Tennessee e Vermont.

Il procuratore generale di New York, Letitia James, ha così spiegato le ragioni che muovono questa iniziativa:

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Read MoreMobileHDblog.it

Discover a hidden easter egg

Clicca sul link per avviare il tuo portafoglio di criptovalute e riceverai 10% commissione! ISCRIVITI A BINANCE

read more

explore

other articles

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
We use cookies to offer you a better browsing experience. If you continue to use this site, you consent to our use of cookies.
We use cookies to offer you a better browsing experience. If you continue to use this site, you consent to our use of cookies.