Home General Arcade Arrestata la fisioterapista che nascose la salma di “Gigi Bici”

Arrestata la fisioterapista che nascose la salma di “Gigi Bici”

0
68

AGI – È stata arrestata dalla polizia per tentata estorsione Barbara Pasetti, 44 anni, la fisioterapista di Calignano di Cura Carpignano (Pavia) davanti alla cui casa lo scorso 20 dicembre venne ritrovato il cadavere di Luigi Criscuolo, 60 anni, detto ‘Gigi Bici’ per avere gestito un negozio i biciclette. Secondo quant si apprende, la donna “avrebbe fornito un contributo all’occultamento della salma e avrebbe cercato di trarre profitto dalla custodia della stessa nei pressi della propria abitazione”.
Stando alle indagini, alla famiglia di ‘Gigi Bici’ sarebbe arrivata a fine novembre scorso una richiesta di 390mila euro in cambio della “liberazione” dell’uomo che era scomparso. Questa prima pretesa, viene spiegata dalla Procura, è stata poi seguita da altre “che sono state tutte ricondotte all’indagata”.
“L’attività di indagine sviluppatosi con numerosi servizi di osservazione – spiega il procuratore Fabio Napoleone – supportata da servizi di natura tecnica e approfondita attraverso l’intervento di plurimi consulenti tecnici del pubblico ministero ha permesso di far emergere gravi indizia di reato a carico di Barbara Pasetti in relazione al solo reato di teatata estorsione”. L’inchiesta “proseguira’ non solo al fine di individuare gli autori materiali dell’omicidio ma altresi’ allo scopo di trarre definitiva conferma degli addebiti allo stato mossi nei confronti dell’indagata”. 

AGI – È stata arrestata dalla polizia per tentata estorsione Barbara Pasetti, 44 anni, la fisioterapista di Calignano di Cura Carpignano (Pavia) davanti alla cui casa lo scorso 20 dicembre venne ritrovato il cadavere di Luigi Criscuolo, 60 anni, detto ‘Gigi Bici’ per avere gestito un negozio i biciclette. Secondo quant si apprende, la donna “avrebbe fornito un contributo all’occultamento della salma e avrebbe cercato di trarre profitto dalla custodia della stessa nei pressi della propria abitazione”.

Stando alle indagini, alla famiglia di ‘Gigi Bici’ sarebbe arrivata a fine novembre scorso una richiesta di 390mila euro in cambio della “liberazione” dell’uomo che era scomparso. Questa prima pretesa, viene spiegata dalla Procura, è stata poi seguita da altre “che sono state tutte ricondotte all’indagata”.

“L’attività di indagine sviluppatosi con numerosi servizi di osservazione – spiega il procuratore Fabio Napoleone – supportata da servizi di natura tecnica e approfondita attraverso l’intervento di plurimi consulenti tecnici del pubblico ministero ha permesso di far emergere gravi indizia di reato a carico di Barbara Pasetti in relazione al solo reato di teatata estorsione”. L’inchiesta “proseguira’ non solo al fine di individuare gli autori materiali dell’omicidio ma altresi’ allo scopo di trarre definitiva conferma degli addebiti allo stato mossi nei confronti dell’indagata”. 

Read MoreAgi

This website uses cookies to give you the most relevant experience by remembering your preferences and repeat visits. By clicking “Accept”, you consent to the use of all the cookies.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
We use cookies to offer you a better browsing experience. If you continue to use this site, you consent to our use of cookies.
We use cookies to offer you a better browsing experience. If you continue to use this site, you consent to our use of cookies.