Berlino accusa Mosca: “Utilizza l’energia come arma”

AGI – Il ministro dell’Energia tedesco ha accusato la Russia di usare l’energia “come un’arma” dopo le sanzioni imposte da Mosca a oltre 30 compagnie energetiche occidentali e la riduzione osservata dei flussi di gas verso l’Europa.
“La situazione sta peggiorando perché l’energia è ora utilizzata come arma in diversi modi”, ha affermato Robert Habeck in un conferenza stampa a Berlino.
La Russia ieri ha imposto sanzioni a oltre 30 compagnie energetiche occidentali, la maggior parte delle quali appartiene a Gazprom Germania, la filiale tedesca del colosso russo del gas.
Lo Stato tedesco ha posto la società sotto il suo controllo a causa dell’importanza strategica. Intanto oggi l’Ue ribadisce che il pagamento in rubli viola le sanzioni.
“La Banca centrale russa è soggetta a sanzioni dell’Ue e la nostra assolutamente posizione è che usare questo metodo di pagamento del gas in rubli sarebbe una violazione di queste sanzioni – ha dichiarato il portavoce della Commissione europea, Tim McPhie – la presidente della Commissione lo ha detto chiaramente e la commissaria Simson lo ha detto chiaramente. Continueremo a dialogare con gli Stati membri per spiegare la situazione e le linee guida”.
Anche il transito del gas russo attraverso i gasdotti che passano per l’Ucraina è stato ridotto da ieri, con la chiusura di una stazione al confine russo-ucraino.
Oggi i flussi dovrebbero diminuire di quasi un terzo rispetto a ieri, quando erano già calati del 20% in 24 ore.
Di conseguenza, il flusso di gas russo attraverso l’Ucraina nella più grande economia europea è diminuito di circa il 40% in due giorni, secondo i dati dell’operatore.
L’Ucraina afferma da due giorni di non poter più garantire le consegne via Sokhranivka, nella regione di Lugansk, a causa della presenza delle forze armate russe, e ha chiesto a Gazprom di aumentare i volumi in un altro sito, Sudja.
Mosca da parte sua sostiene che il transito può essere fatto perfettamente via Sokhranivka, mentre è impossibile reindirizzare il flusso verso Soudja.
La Germania, la cui economia è fortemente dipendente dal gas russo, ha dichiarato ieri che potrebbe compensare la mancanza di gas russo acquistando energia dalla Norvegia e dai Paesi Bassi.
Il Paese, che sta cercando di ridurre questa dipendenza, è ora in corsa per riempire le sue riserve prima del prossimo inverno.
“Le scorte devono essere piene prima dell’estate, altrimenti ci troveremo in una situazione in cui è facile ricattarci”, ha avvertito Habeck. 

AGI – Il ministro dell’Energia tedesco ha accusato la Russia di usare l’energia “come un’arma” dopo le sanzioni imposte da Mosca a oltre 30 compagnie energetiche occidentali e la riduzione osservata dei flussi di gas verso l’Europa.

“La situazione sta peggiorando perché l’energia è ora utilizzata come arma in diversi modi”, ha affermato Robert Habeck in un conferenza stampa a Berlino.

La Russia ieri ha imposto sanzioni a oltre 30 compagnie energetiche occidentali, la maggior parte delle quali appartiene a Gazprom Germania, la filiale tedesca del colosso russo del gas.

Lo Stato tedesco ha posto la società sotto il suo controllo a causa dell’importanza strategica. Intanto oggi l’Ue ribadisce che il pagamento in rubli viola le sanzioni.

“La Banca centrale russa è soggetta a sanzioni dell’Ue e la nostra assolutamente posizione è che usare questo metodo di pagamento del gas in rubli sarebbe una violazione di queste sanzioni – ha dichiarato il portavoce della Commissione europea, Tim McPhie – la presidente della Commissione lo ha detto chiaramente e la commissaria Simson lo ha detto chiaramente. Continueremo a dialogare con gli Stati membri per spiegare la situazione e le linee guida”.

Anche il transito del gas russo attraverso i gasdotti che passano per l’Ucraina è stato ridotto da ieri, con la chiusura di una stazione al confine russo-ucraino.

Oggi i flussi dovrebbero diminuire di quasi un terzo rispetto a ieri, quando erano già calati del 20% in 24 ore.

Di conseguenza, il flusso di gas russo attraverso l’Ucraina nella più grande economia europea è diminuito di circa il 40% in due giorni, secondo i dati dell’operatore.

L’Ucraina afferma da due giorni di non poter più garantire le consegne via Sokhranivka, nella regione di Lugansk, a causa della presenza delle forze armate russe, e ha chiesto a Gazprom di aumentare i volumi in un altro sito, Sudja.

Mosca da parte sua sostiene che il transito può essere fatto perfettamente via Sokhranivka, mentre è impossibile reindirizzare il flusso verso Soudja.

La Germania, la cui economia è fortemente dipendente dal gas russo, ha dichiarato ieri che potrebbe compensare la mancanza di gas russo acquistando energia dalla Norvegia e dai Paesi Bassi.

Il Paese, che sta cercando di ridurre questa dipendenza, è ora in corsa per riempire le sue riserve prima del prossimo inverno.

“Le scorte devono essere piene prima dell’estate, altrimenti ci troveremo in una situazione in cui è facile ricattarci”, ha avvertito Habeck. 

Read MoreAgi

Discover a hidden easter egg

Clicca sul link per avviare il tuo portafoglio di criptovalute e riceverai 10% commissione! ISCRIVITI A BINANCE

read more

explore

other articles

This website uses cookies to give you the most relevant experience by remembering your preferences and repeat visits. By clicking “Accept”, you consent to the use of all the cookies.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
We use cookies to offer you a better browsing experience. If you continue to use this site, you consent to our use of cookies.
We use cookies to offer you a better browsing experience. If you continue to use this site, you consent to our use of cookies.