Riappare Jack Ma a campus Alibaba per evento filantropico

AGI – Jack Ma, il patron di Alibaba, riappare in pubblico a un evento organizzato dal campus di Alibaba, in cui si è discusso di filantropia e di tecnologia per l’agricoltura. Lo riferisce il South China Morning Post, di proprietà della stessa Alibaba.
Si tratta della seconda apparizione pubblica di Ma dal novembre scorso, quando ritornò in Cina al termine di un tour europeo. Le foto diffuse su Weibo, la piattaforma social più popolare in Cina, dal giornale China Philanthropy Times, mostrano il fondatore di Alibaba in una sala riunioni con altri venti dipendenti del gruppo.
Il tycoon cinese ha diradato le proprie apparizioni pubbliche dopo le indagini antitrust sul suo impero, avviate alla fine del 2020, e lo stop alla doppia quotazione alle Borse di Shanghai e Hong Kong del braccio fintech di Alibaba, Ant Group, costretto a una ristrutturazione dalle autorità finanziarie cinesi. La prolungata assenza del miliardario dalla scena pubblica aveva innescato il panico tra gli investitori, a inizio maggio, sulla notizia che un omonimo del tycoon, dipendente di un gruppo tech locale, era stato arrestato a Hangzhou, la città dove ha sede il gigante dell’e-commerce, per il sospetto di collusione con forze straniere e di sovversione.
L’equivoco aveva fatto precipitare Alibaba alla Borsa di Hong Kong: il titolo è arrivato a perdere il 9,4%, bruciando 26 miliardi di dollari di valore di mercato, prima della precisazione da parte delle forze dell’ordine, e di limare le perdite, chiudendo in ribasso dell’1,76%.

AGI – Jack Ma, il patron di Alibaba, riappare in pubblico a un evento organizzato dal campus di Alibaba, in cui si è discusso di filantropia e di tecnologia per l’agricoltura. Lo riferisce il South China Morning Post, di proprietà della stessa Alibaba.

Si tratta della seconda apparizione pubblica di Ma dal novembre scorso, quando ritornò in Cina al termine di un tour europeo. Le foto diffuse su Weibo, la piattaforma social più popolare in Cina, dal giornale China Philanthropy Times, mostrano il fondatore di Alibaba in una sala riunioni con altri venti dipendenti del gruppo.

Il tycoon cinese ha diradato le proprie apparizioni pubbliche dopo le indagini antitrust sul suo impero, avviate alla fine del 2020, e lo stop alla doppia quotazione alle Borse di Shanghai e Hong Kong del braccio fintech di Alibaba, Ant Group, costretto a una ristrutturazione dalle autorità finanziarie cinesi. La prolungata assenza del miliardario dalla scena pubblica aveva innescato il panico tra gli investitori, a inizio maggio, sulla notizia che un omonimo del tycoon, dipendente di un gruppo tech locale, era stato arrestato a Hangzhou, la città dove ha sede il gigante dell’e-commerce, per il sospetto di collusione con forze straniere e di sovversione.

L’equivoco aveva fatto precipitare Alibaba alla Borsa di Hong Kong: il titolo è arrivato a perdere il 9,4%, bruciando 26 miliardi di dollari di valore di mercato, prima della precisazione da parte delle forze dell’ordine, e di limare le perdite, chiudendo in ribasso dell’1,76%.

Read MoreAgi

Discover a hidden easter egg

Clicca sul link per avviare il tuo portafoglio di criptovalute e riceverai 10% commissione! ISCRIVITI A BINANCE

read more

explore

other articles

This website uses cookies to give you the most relevant experience by remembering your preferences and repeat visits. By clicking “Accept”, you consent to the use of all the cookies.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
We use cookies to offer you a better browsing experience. If you continue to use this site, you consent to our use of cookies.
We use cookies to offer you a better browsing experience. If you continue to use this site, you consent to our use of cookies.