Biden: “Svedesi e finlandesi hanno il diritto di decidere”. Erdogan: “L’adesione sarebbe un errore”

AGI – La nuova fase della guerra in Ucraina è già aperta e oggi ha segnato una svolta evidente sul campo e sulla scacchiera diplomatica. Sfumato l’obiettivo di una spedizione lampo sin dalle ore successive all’offensiva del 24 febbraio scorso, si avvia al termine anche la prima fase del conflitto, rivelatasi piu’ cruenta del previsto per gli invasori russi.
È in corso il riposizionamento nel territorio orientale del paese: gli occupanti ripiegano da Kharkiv mentre le forze ucraine ne respingono l’avanzata sul fiume Severskij Donets a est di Severodonetsk, nell’area di Lugansk. Prosegue senza sostanziali effetti tattici lo stillicidio missilistico dei russi e l’assedio agli irriducibili nell’acciaieria di Azovstal.
Il 13 maggio, in una situazione di stasi se non di stallo, è arrivata la nuova telefonata tra il Pentagono e la Difesa russa. Non accadeva dal 18 febbraio, sei giorni prima dell’invasione: si è riaperto un canale ad alto livello tra Washington e Mosca che appariva fossilizzato. Il segretario alla Difesa Usa, Lloyd Austin, ha chiamato l’omologo russo, Serghei Shoigu, chiedendo un cessate il fuoco immediato.
Non solo: il portavoce del Pentagono hasottolineato l’importanza di tenere le linee di comunicazione aperte anche se il contatto non e’ giudicato risolutivo ne’ puo’ preludere a un immediato cambiamento delle posizioni russe.
Nella complessa partita diplomatica s’iscrive la questione dell’adesione alla Nato di Finlandia e Svezia, che ha offerto oggi al presidente turco Erdogan l’occasione di rimarcare il proprio ruolo: ha motivato la sua contrarieta’ all’ingresso nell’Alleanza dei Paesi scandinavi perche’ sarebbero “una pensione per le organizzazioni terroristiche”.
Uno stop che ha suscitato l’immediata reazione della Casa Bianca, con le telefonate del presidente Biden ai leader di Svezia e Finlandia e la successiva dichiarazione: “Hanno diritto di scegliere il proprio futuro”. E riguardo all’opposizione di Ankara, il Dipartimento di Stato ha annunciato che se ne discuterà nella ministeriale della Nato nel fine settimana a Berlino.

AGI – La nuova fase della guerra in Ucraina è già aperta e oggi ha segnato una svolta evidente sul campo e sulla scacchiera diplomatica. Sfumato l’obiettivo di una spedizione lampo sin dalle ore successive all’offensiva del 24 febbraio scorso, si avvia al termine anche la prima fase del conflitto, rivelatasi piu’ cruenta del previsto per gli invasori russi.

È in corso il riposizionamento nel territorio orientale del paese: gli occupanti ripiegano da Kharkiv mentre le forze ucraine ne respingono l’avanzata sul fiume Severskij Donets a est di Severodonetsk, nell’area di Lugansk. Prosegue senza sostanziali effetti tattici lo stillicidio missilistico dei russi e l’assedio agli irriducibili nell’acciaieria di Azovstal.

Il 13 maggio, in una situazione di stasi se non di stallo, è arrivata la nuova telefonata tra il Pentagono e la Difesa russa. Non accadeva dal 18 febbraio, sei giorni prima dell’invasione: si è riaperto un canale ad alto livello tra Washington e Mosca che appariva fossilizzato. Il segretario alla Difesa Usa, Lloyd Austin, ha chiamato l’omologo russo, Serghei Shoigu, chiedendo un cessate il fuoco immediato.

Non solo: il portavoce del Pentagono hasottolineato l’importanza di tenere le linee di comunicazione aperte anche se il contatto non e’ giudicato risolutivo ne’ puo’ preludere a un immediato cambiamento delle posizioni russe.

Nella complessa partita diplomatica s’iscrive la questione dell’adesione alla Nato di Finlandia e Svezia, che ha offerto oggi al presidente turco Erdogan l’occasione di rimarcare il proprio ruolo: ha motivato la sua contrarieta’ all’ingresso nell’Alleanza dei Paesi scandinavi perche’ sarebbero “una pensione per le organizzazioni terroristiche”.

Uno stop che ha suscitato l’immediata reazione della Casa Bianca, con le telefonate del presidente Biden ai leader di Svezia e Finlandia e la successiva dichiarazione: “Hanno diritto di scegliere il proprio futuro“. E riguardo all’opposizione di Ankara, il Dipartimento di Stato ha annunciato che se ne discuterà nella ministeriale della Nato nel fine settimana a Berlino.

Read MoreAgi

Discover a hidden easter egg

Clicca sul link per avviare il tuo portafoglio di criptovalute e riceverai 10% commissione! ISCRIVITI A BINANCE

read more

explore

other articles

This website uses cookies to give you the most relevant experience by remembering your preferences and repeat visits. By clicking “Accept”, you consent to the use of all the cookies.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
We use cookies to offer you a better browsing experience. If you continue to use this site, you consent to our use of cookies.
We use cookies to offer you a better browsing experience. If you continue to use this site, you consent to our use of cookies.