Morning bell: Cosa si aspettano i mercati

AGI – I mercati sono incerti e altalenanti. Ieri a New York i listini hanno rimbalzato, dopo il forte calo della settimana scorsa, anche se gli investitori non sanno se fidarsi o meno, e non hanno tutti i torti, visto che già oggi le Borse in Asia sono deboli, i future a Wall Street e in Europa arretrano e i tassi sui T-bond oscillano. C’è attesa per l’audizione di Jerome Powell al Senato e per quella che che il numero uno della Fed terrà domani alla Camera. Dopo il taglio di un quarto di punto a giugno i mercati aspettano di capire se la Federal Reserve sarà altrettanto aggressiva anche a luglio.
Nel frattempo le Borse salgono e scendono nervosamente. “Per qualche mese – osserva Vincenzo Bova, strategist di Mts Capitalservice – i mercati tireranno il fiato, potranno rimbalzare un po’ ma senza andare troppo lontano. Le Borse sono in ‘bear market’ e ci resteranno, il che significa che di qui alla fine dell’anno qualsiasi rimbalzo sarà sfruttato alla lunga per vendere”.
In pratica il trend è ribassista, per cui il mercato, va su e giù ma non crescerà mai più di tanto e quando scenderà lo farà su nuovi minimi. Anche l’obbligazionario resterà instabile. “I rendimenti dei bond in Europa e negli Usa – spiega Bova – continueranno ad essere alti ma senza salire a rotta di collo. Un’inversione è difficile prima di settembre, nel frattempo prevedo dei movimenti laterali, cioè un mercato obbligazionario altalenante finchè non arriveranno dei dati che mostreranno un’inflazione in frenata e una crescita più debole. Ma dovremo lasciare che passi l’estate. A quel punto, probabilmente a settembre, sarà possibile un’inversione al ribasso dei tassi, non prima”.
Domani c’è attesa per i Pmi europei e americani, che anticiperanno i trend economici di giugno. I prezzi del petrolio calano di quasi il 4%, mentre il presidente Joe Biden spinge per ridurre i costi del carburante. Intanto il ceo di Chevron, Michael Wirth invita Biden a collaborare con le compagnie petrolifere e a non “demonizzarle”, criticando sua campagna per produrre più carburante, a prezzi più contenuti. Kiev conferma che sono in corso preparativi per avviare colloqui con la Russia a Istanbul la prossima settimana per sbloccare “entro un mese” i corridoi navali per il grano, con la mediazione di Turchia e Onu. Ci saranno Erdogan e Guterres ma nessun esponente di spicco dei Paesi belligeranti.

AGI – I mercati sono incerti e altalenanti. Ieri a New York i listini hanno rimbalzato, dopo il forte calo della settimana scorsa, anche se gli investitori non sanno se fidarsi o meno, e non hanno tutti i torti, visto che già oggi le Borse in Asia sono deboli, i future a Wall Street e in Europa arretrano e i tassi sui T-bond oscillano. C’è attesa per l’audizione di Jerome Powell al Senato e per quella che che il numero uno della Fed terrà domani alla Camera. Dopo il taglio di un quarto di punto a giugno i mercati aspettano di capire se la Federal Reserve sarà altrettanto aggressiva anche a luglio.

Nel frattempo le Borse salgono e scendono nervosamente. “Per qualche mese – osserva Vincenzo Bova, strategist di Mts Capitalservice – i mercati tireranno il fiato, potranno rimbalzare un po’ ma senza andare troppo lontano. Le Borse sono in ‘bear market’ e ci resteranno, il che significa che di qui alla fine dell’anno qualsiasi rimbalzo sarà sfruttato alla lunga per vendere”.

In pratica il trend è ribassista, per cui il mercato, va su e giù ma non crescerà mai più di tanto e quando scenderà lo farà su nuovi minimi. Anche l’obbligazionario resterà instabile. “I rendimenti dei bond in Europa e negli Usa – spiega Bova – continueranno ad essere alti ma senza salire a rotta di collo. Un’inversione è difficile prima di settembre, nel frattempo prevedo dei movimenti laterali, cioè un mercato obbligazionario altalenante finchè non arriveranno dei dati che mostreranno un’inflazione in frenata e una crescita più debole. Ma dovremo lasciare che passi l’estate. A quel punto, probabilmente a settembre, sarà possibile un’inversione al ribasso dei tassi, non prima”.

Domani c’è attesa per i Pmi europei e americani, che anticiperanno i trend economici di giugno. I prezzi del petrolio calano di quasi il 4%, mentre il presidente Joe Biden spinge per ridurre i costi del carburante. Intanto il ceo di Chevron, Michael Wirth invita Biden a collaborare con le compagnie petrolifere e a non “demonizzarle”, criticando sua campagna per produrre più carburante, a prezzi più contenuti. Kiev conferma che sono in corso preparativi per avviare colloqui con la Russia a Istanbul la prossima settimana per sbloccare “entro un mese” i corridoi navali per il grano, con la mediazione di Turchia e Onu. Ci saranno Erdogan e Guterres ma nessun esponente di spicco dei Paesi belligeranti.

Read MoreAgi

Discover a hidden easter egg

Clicca sul link per avviare il tuo portafoglio di criptovalute e riceverai 10% commissione! ISCRIVITI A BINANCE

read more

explore

other articles

This website uses cookies to give you the most relevant experience by remembering your preferences and repeat visits. By clicking “Accept”, you consent to the use of all the cookies.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
We use cookies to offer you a better browsing experience. If you continue to use this site, you consent to our use of cookies.
We use cookies to offer you a better browsing experience. If you continue to use this site, you consent to our use of cookies.