I 19 Stati che si sono impegnati sulla redistribuzione dei migranti

AGI – Sedici Stati Ue, più Norvegia, Svizzera e Liechtenstein, si impegnano ufficialmente ad attuare un “meccanismo di solidarietà volontario, semplice e prevedibile” per la gestione dei flussi migratori.
In una lettera firmata dai ministri di Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Romania, Norvegia, Svizzera e Liechtenstein viene assicurato l’impegno ad “attuare un meccanismo di solidarietà volontario, semplice e prevedibile volto a fornire agli Stati membri più colpiti dai flussi migratori nel bacino del Mediterraneo e a quelli più sotto pressione, anche sulla rotta dell’Atlantico occidentale, assistenza adeguata alle loro esigenze da parte di altri Stati membri oltre al sostegno europeo, proponendo ricollocazioni (metodo privilegiato di solidarietà) e contributi finanziari”.
In particolare, “le ricollocazioni devono applicarsi in via prioritaria agli Stati membri che affrontano gli sbarchi dei migranti a seguito di operazioni di ricerca e soccorso in mare sulla rotta del Mediterraneo occidentale e dell’Atlantico, nonché di altre situazioni per tenere conto dell’attuale situazione a Cipro o dei possibili sviluppi nelle isole greche”.
Le delocalizzazioni – si legge – devono essere offerte in via prioritaria alle persone bisognose di protezione internazionale, a partire dai più vulnerabili. Inoltre, sarà definito un volume totale annuo di ricollocazione per garantire la prevedibilità del meccanismo e ogni Stato membro che contribuisce dovrebbe presentare un impegno di ricollocazione con un obiettivo indicativo di ricollocazione stabilito sulla base della sua popolazione e del suo Pil, pur mantenendo la possibilità di superare tale quota. Infine, chi non offrirà solidarietà con i ricollocamenti sarà tenuto a farlo con i finanziamenti.
“Ci impegniamo, quando uno Stato membro sceglie volontariamente di partecipare alla solidarietà collettiva non mediante ricollocazione ma mediante un contributo finanziario a uno Stato membro beneficiario o a progetti in Paesi terzi che possono avere un impatto diretto sui flussi frontalieri al di fuori dell’Ue”.

AGI – Sedici Stati Ue, più Norvegia, Svizzera e Liechtenstein, si impegnano ufficialmente ad attuare un “meccanismo di solidarietà volontario, semplice e prevedibile” per la gestione dei flussi migratori.

In una lettera firmata dai ministri di Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Portogallo, Romania, Norvegia, Svizzera e Liechtenstein viene assicurato l’impegno ad “attuare un meccanismo di solidarietà volontario, semplice e prevedibile volto a fornire agli Stati membri più colpiti dai flussi migratori nel bacino del Mediterraneo e a quelli più sotto pressione, anche sulla rotta dell’Atlantico occidentale, assistenza adeguata alle loro esigenze da parte di altri Stati membri oltre al sostegno europeo, proponendo ricollocazioni (metodo privilegiato di solidarietà) e contributi finanziari”.

In particolare, “le ricollocazioni devono applicarsi in via prioritaria agli Stati membri che affrontano gli sbarchi dei migranti a seguito di operazioni di ricerca e soccorso in mare sulla rotta del Mediterraneo occidentale e dell’Atlantico, nonché di altre situazioni per tenere conto dell’attuale situazione a Cipro o dei possibili sviluppi nelle isole greche”.

Le delocalizzazioni – si legge – devono essere offerte in via prioritaria alle persone bisognose di protezione internazionale, a partire dai più vulnerabili. Inoltre, sarà definito un volume totale annuo di ricollocazione per garantire la prevedibilità del meccanismo e ogni Stato membro che contribuisce dovrebbe presentare un impegno di ricollocazione con un obiettivo indicativo di ricollocazione stabilito sulla base della sua popolazione e del suo Pil, pur mantenendo la possibilità di superare tale quota. Infine, chi non offrirà solidarietà con i ricollocamenti sarà tenuto a farlo con i finanziamenti.

“Ci impegniamo, quando uno Stato membro sceglie volontariamente di partecipare alla solidarietà collettiva non mediante ricollocazione ma mediante un contributo finanziario a uno Stato membro beneficiario o a progetti in Paesi terzi che possono avere un impatto diretto sui flussi frontalieri al di fuori dell’Ue”.

Read MoreAgi

Discover a hidden easter egg

Clicca sul link per avviare il tuo portafoglio di criptovalute e riceverai 10% commissione! ISCRIVITI A BINANCE

read more

explore

other articles

This website uses cookies to give you the most relevant experience by remembering your preferences and repeat visits. By clicking “Accept”, you consent to the use of all the cookies.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
We use cookies to offer you a better browsing experience. If you continue to use this site, you consent to our use of cookies.
We use cookies to offer you a better browsing experience. If you continue to use this site, you consent to our use of cookies.