Stampa e Palazzo: riflettori accesi sui rapporti Lega-Mosca e sulle ambizioni di Berlusconi

AGI – Le ombre ‘russe’ sulla Lega scatenano la polemica tra gli schieramenti. Intervista in tv a Silvio Berlusconi, che lancia la strategia per aumentare consensi e vincere le elezioni del 25 settembre. Ecco gli argomenti in primo piano sulle pagine di politica dei quotidiani in edicola oggi.
Corriere Della Sera
La politica estera infiamma il voto. Meloni: “Noi garanti del sostegno a Kiev”. Il caso dei colloqui tra i russi e la Lega. Conte apre al dialogo con il Pd, poi la frenata. Letta aspetta la scelta di Azione ma è convinto che diranno di sì. Ora la scelta dei candidati è un rebus per il centrodestra. Intervista a Carfagna: “Scelgo Calenda per salvare il Paese dagli estremismi. E spero in Draghi”.
La ministra dopo l’addio a Forza Italia: non potevo restare, avrei barattato la mia coscienza e le mie idee con una poltrona. Parla Hollande: “Sinistra unita? Possibile se la guida il Pd. L’Italia resisterà alla crisi”.
La Repubblica
L’arma dei migranti sul voto. I barconi spinti in Italia dai mercenari della Wagner. Dai porti della Cirenaica controllati dalla brigata di combattenti russi stanno partendo molti più scafi rispetto agli ultimi due anni. Per mettere sotto pressione il nostro Paese e l’Europa. Intervista a Borghi (Pd): “Mosca prova a influenzare le elezioni, sorprendente l’indifferenza dei partiti”. Berlusconi rilancia: “Ci sono io, Forza Italia vincerà. Dentista gratis agli anziani”.
Liti sulle liste e rebus alleanze, Sala striglia il Pd: “Basta veti”. Letta al lavoro per definire l’ampiezza della coalizione: con M5s non si ricuce, con Calenda è stallo, con Renzi strada in salita.
La Stampa
“Ombre russe, la Lega dica la verità”. Capuano, emissario di Salvini, cercò di organizzare anche un viaggio a Pechino per incontrare il ministro degli Esteri. Bufera dopo le rivelazioni de La Stampa. Letta: diteci se Putin ha fatto cadere Draghi. Il capitano: sciocchezze. Meloni: noi sempre con Kiev. La lezione di Mattarella: “Libertà figlia di una storia sofferta”.
Il Messaggero
Meloni, noi affidabili all’estero. La leader di FdI rassicura l’Europa e gli Usa: “Il nostro esecutivo con l’Ucraina e atlantista”. Il caso Russia scuote la Lega. Salvini: “Un falso”. Letta cerca nomi ‘forti’ per l’uninominale. Toti ci ripensa e torna nel centrodestra: “Niente accordi con Calenda e Renzi”. Strategie elettorali: sono 64 i collegi in bilico, decisivi il Sud e le città.
Il Fatto Quotidiano
Renzi sta sereno (la base Pd un po’ meno). Dopo Calenda, Di Maio e Brunetta, Letta imbarca Iv e Si. Ponte, flat tax e nucleare: la destra vuole ripartire da quello che non si farà. Tornano Tremonti e Pera. Poi Zoppas: i volti in lista di FdI. Conte: addio al Pd. E insiste sulla deroga ai due mandati.
Il Tempo
Veleni elettorali. Inchiesta flop a Terracina per colpire Fratelli d’Italia e Giorgia Meloni. Contro la Lega e Salvini spunta un dossier russo ma Gabrielli dice che “e’ falso”. Letta e Co. si affidano alle veline avvelenate e continuano a litigare tra loro. “Il premier? Lo indicherà FI”: Berlusconi torna in tv e conferma di puntare alto, “conto di arrivare al 20 per cento dei voti”.
Libero
Il Pd schiera i servizi segreti. Dossier farlocchi contro Salvini. L’accusa in una velina: Putin disse alla Lega di mollare Draghi. La sinistra ignora la smentita degli 007 e monta la polemica. Ma il problema è un altro: chi ha fatto girare quella carta?

AGI – Le ombre ‘russe’ sulla Lega scatenano la polemica tra gli schieramenti. Intervista in tv a Silvio Berlusconi, che lancia la strategia per aumentare consensi e vincere le elezioni del 25 settembre. Ecco gli argomenti in primo piano sulle pagine di politica dei quotidiani in edicola oggi.

Corriere Della Sera

La politica estera infiamma il voto. Meloni: “Noi garanti del sostegno a Kiev”. Il caso dei colloqui tra i russi e la Lega. Conte apre al dialogo con il Pd, poi la frenata. Letta aspetta la scelta di Azione ma è convinto che diranno di sì. Ora la scelta dei candidati è un rebus per il centrodestra. Intervista a Carfagna: “Scelgo Calenda per salvare il Paese dagli estremismi. E spero in Draghi”.

La ministra dopo l’addio a Forza Italia: non potevo restare, avrei barattato la mia coscienza e le mie idee con una poltrona. Parla Hollande: “Sinistra unita? Possibile se la guida il Pd. L’Italia resisterà alla crisi”.

La Repubblica

L’arma dei migranti sul voto. I barconi spinti in Italia dai mercenari della Wagner. Dai porti della Cirenaica controllati dalla brigata di combattenti russi stanno partendo molti più scafi rispetto agli ultimi due anni. Per mettere sotto pressione il nostro Paese e l’Europa. Intervista a Borghi (Pd): “Mosca prova a influenzare le elezioni, sorprendente l’indifferenza dei partiti”. Berlusconi rilancia: “Ci sono io, Forza Italia vincerà. Dentista gratis agli anziani”.

Liti sulle liste e rebus alleanze, Sala striglia il Pd: “Basta veti”. Letta al lavoro per definire l’ampiezza della coalizione: con M5s non si ricuce, con Calenda è stallo, con Renzi strada in salita.

La Stampa

“Ombre russe, la Lega dica la verità”. Capuano, emissario di Salvini, cercò di organizzare anche un viaggio a Pechino per incontrare il ministro degli Esteri. Bufera dopo le rivelazioni de La Stampa. Letta: diteci se Putin ha fatto cadere Draghi. Il capitano: sciocchezze. Meloni: noi sempre con Kiev. La lezione di Mattarella: “Libertà figlia di una storia sofferta”.

Il Messaggero

Meloni, noi affidabili all’estero. La leader di FdI rassicura l’Europa e gli Usa: “Il nostro esecutivo con l’Ucraina e atlantista”. Il caso Russia scuote la Lega. Salvini: “Un falso”. Letta cerca nomi ‘forti’ per l’uninominale. Toti ci ripensa e torna nel centrodestra: “Niente accordi con Calenda e Renzi”. Strategie elettorali: sono 64 i collegi in bilico, decisivi il Sud e le città.

Il Fatto Quotidiano

Renzi sta sereno (la base Pd un po’ meno). Dopo Calenda, Di Maio e Brunetta, Letta imbarca Iv e Si. Ponte, flat tax e nucleare: la destra vuole ripartire da quello che non si farà. Tornano Tremonti e Pera. Poi Zoppas: i volti in lista di FdI. Conte: addio al Pd. E insiste sulla deroga ai due mandati.

Il Tempo

Veleni elettorali. Inchiesta flop a Terracina per colpire Fratelli d’Italia e Giorgia Meloni. Contro la Lega e Salvini spunta un dossier russo ma Gabrielli dice che “e’ falso”. Letta e Co. si affidano alle veline avvelenate e continuano a litigare tra loro. “Il premier? Lo indicherà FI”: Berlusconi torna in tv e conferma di puntare alto, “conto di arrivare al 20 per cento dei voti”.

Libero

Il Pd schiera i servizi segreti. Dossier farlocchi contro Salvini. L’accusa in una velina: Putin disse alla Lega di mollare Draghi. La sinistra ignora la smentita degli 007 e monta la polemica. Ma il problema è un altro: chi ha fatto girare quella carta?

Read MoreAgi

Discover a hidden easter egg

Clicca sul link per avviare il tuo portafoglio di criptovalute e riceverai 10% commissione! ISCRIVITI A BINANCE

read more

explore

other articles

Generated by Feedzy
This website uses cookies to give you the most relevant experience by remembering your preferences and repeat visits. By clicking “Accept”, you consent to the use of all the cookies.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
We use cookies to offer you a better browsing experience. If you continue to use this site, you consent to our use of cookies.
We use cookies to offer you a better browsing experience. If you continue to use this site, you consent to our use of cookies.