Crisi energetica: tante opportunità di lavoro. Ecco quali e quanto rendono

0
13

L’indipendenza dal gas russo crea nuove opportunità di lavoro in Italia: le figure ricercate dalle aziendeLavoro

Rilancio economico, nuovi posti di lavoro, indipendenza energetica e transizione green. Sono questi gli elementi chiave che potrebbero descrivere il periodo storico che stiamo vivendo, molto complesso anche in termini di approvvigionamento energetico. Non mancano, tuttavia, risvolti positivi in termini di occupazione, soprattutto – come rivela un’indagine di Hunters Group, società di ricerca e selezione di personale  – per professionisti altamente qualificati.

L’Italia verso l’indipendenza energetica

“La crisi che stiamo vivendo in questi mesi a causa del conflitto in Ucraina e delle relative conseguenze – spiega Nunzia Sancineto, Area Manager della filiale Emiliana di Hunters Group – rafforza l’esigenza della progressiva autosufficienza energetica poiché, come abbiamo visto, importiamo il 38% del fabbisogno di metano da Mosca e questo, a lungo andare, potrebbe rappresentare un grosso problema. Il nostro Paese si sta già muovendo e sono iniziati, a Ravenna e a Piombino, i lavori per realizzare nuovi rigassificatori, dai quali sembrerebbe passare la strada per l’indipendenza dalla Russia che, oggi più che mai, diventa di fondamentale importanza. Al di là degli aspetti geo-politici, però, c’è un impatto notevole anche a livello di occupazione e che non possiamo certamente trascurare”.

Emilia Romagna regione chiave per la ripartenza

Regione chiave del rilancio e della ripartenza è l’Emilia Romagna. All’interno del porto di Ravenna – già dotato di infrastrutture a mare per l’ormeggio di navi che trasportano gas liquefatto, lo stoccaggio e la sua rigassificazione e del collegamento a terra per l’immissione nella rete di distribuzione italiana agli utenti finali – verrà ormeggiata una nave di stoccaggio e rigassificazione galleggiante con una capacità di circa 5 miliardi di metri cubi (un valore pari a circa un sesto della quantità di gas che importiamo dalla Russia). Si tratta di un progetto di enorme portata, che – evidenzia Hunters Group – richiederà l’impiego di nuove figure professionali da individuare a livello locale e nazionale.

Le figure richieste dalle aziende

Tra le figure più richieste dalle aziende figurano ingegneri e responsabili HSEQ.  Quest’ultima figurra è responsabile della corretta gestione della sicurezza dell’impianto sia in termini di sicurezza sul lavoro, sia a livello di controllo e prevenzione dei rischi legati alle attività dell’impianto. Si tratta di un ruolo di grande responsabilità a cui è riconosciuto uno stipendio che, in media, si aggira sui 50mila euro annui.

C’ poi bisogno di un Electrical Engineer Cadet: è un tecnico qualificato addetto alla manutenzione e riparazione degli impianti elettrici e di automazione a bordo del terminale. È previsto un compenso annuo pari a circa 40mila euro annui.

Il Field Engineer si occupa di coordinare e progettare la gestione dei lavori a bordo del terminale. Le posizioni entry level percepiscono uno stipendio lordo di 35mila euro all’anno, mentre i lavoratori con più esperienza guadagnano fino a 55mila euro.

“Ci sono –  aggiunge Sancineto – ottime opportunità anche per i progettisti (meccanici, elettrici e civili) e specialisti di Project Control che continuano ad avere occasioni di carriera interessanti, anche dal punto di vista economico. Come nel resto d’Italia, infine, prosegue quella che potremmo definire l’emergenza ingegneri. Un’emergenza ormai fortemente radicata nel nostro Paese ma che, in realtà, avrebbe due possibili soluzioni: la prima riguarda le aziende che dovrebbero creare dei piani di rientro dei cervelli andati all’estero magari subito dopo la laurea e che, dopo qualche anno lontano da casa, desiderebbero tornare; la seconda, invece, riguarda coloro che hanno intrapreso percorsi accademici in discipline economiche e che difficilmente guardano a settori diversi da quello bancario. Fuori dai percorsi classici, però, le opportunità non mancano”.

Read MoreQuiFinanza