Rischi di problemi cardiaci elevati anche molti mesi dopo il covid

0
11

AGI – Il rischio di problemi cardiovascolari, come un infarto o un ictus, rimane elevato anche molti mesi dopo l’infezione da Sars-CoV-2.
A dirlo, diversi studi ed ora i ricercatori stanno iniziando a definire la frequenza di questi problemi. Su Nature, compare una rassegna dei principali studi attualmente disponibili sul tema.
Uno degli sforzi più ampi per caratterizzare ciò che accade al cuore e al sistema circolatorio dopo la fase acuta del Covid-19 è l’analisi di Ziyad Al-Aly, epidemiologo della Washington University di St. Louis, Missouri e dai suoi colleghi.
I ricercatori hanno confrontato più di 150 mila veterani che si erano ripresi da Covid-19 acuto con i loro coetanei non infetti, nonché con un gruppo di controllo pre-pandemia.
I ricercatori hanno utilizzato i dati del Dipartimento per gli affari dei veterani (VA) degli Stati Uniti per stimare la frequenza con cui il Covid-19 porta a problemi cardiovascolari.
I ricercatori hanno scoperto che le persone che avevano avuto la malattia hanno affrontato rischi sostanzialmente maggiori per 20 condizioni cardiovascolari nell’anno successivo all’infezione con il Sars-CoV-2.
I ricercatori affermano che queste complicazioni possono verificarsi anche in persone che sembrano essersi completamente riprese da una lieve infezione.
Ma anche le persone che non erano state ricoverate in ospedale avevano aumentato il rischio di molte condizioni, che andavano da un aumento dell’8% del tasso di attacchi di cuore a un aumento del 247% del tasso di infiammazione cardiaca.
Per Al-Aly, lo studio ha aggiunto al crescente corpo di prove che un attacco di Covid-19 può alterare in modo permanente la salute di alcune persone.
Alcuni studi più piccoli hanno rispecchiato questi risultati, ma altri trovano tassi più bassi di complicanze. Con milioni o forse addirittura miliardi di persone infettate da Sars-CoV-2, i medici si chiedono se la pandemia sarà seguita da una scossa di complicazioni di natura cardiovascolare.
Nel frattempo, i ricercatori stanno cercando di capire chi è più a rischio di questi problemi cardiaci, per quanto tempo persiste il rischio e cosa causa questi sintomi. Nature esamina le domande che gli scienziati si pongono e le risposte che hanno scoperto finora. Nonostante le sue grandi dimensioni, lo studio VA viene fornito con avvertimenti, affermano i ricercatori.
Lo studio è osservazionale, il che significa che riutilizza i dati raccolti per altri scopi, un metodo che può introdurre pregiudizi. Ad esempio, lo studio considera solo i veterani, il che significa che i dati sono distorti verso gli uomini bianchi.
Daniel Tancredi, uno statistico medico presso l’Università della California, Davis, sottolinea un’altra potenziale fonte di pregiudizi. Uno dei gruppi di controllo nello studio VA ha dovuto superare più di un anno senza prendere Sars-CoV-2 per essere incluso nello studio.
Potrebbero esserci differenze fisiologiche che hanno reso il gruppo di controllo meno propenso a contrarre la malattia, il che potrebbe anche influenzare la loro suscettibilità ai problemi cardiovascolari. Tuttavia, Tancredi pensa che lo studio sia stato ben progettato e che qualsiasi pregiudizio sia probabilmente minimo.
“Non direi che questi numeri siano esattamente giusti, ma sono sicuramente nel campo di battaglia”, dice. Spera che futuri studi prospettici mettano a punto le stime di Al-Aly. Altri studi arrivano a risultati simili.
I dati del sistema sanitario inglese, ad esempio, mostrano che le persone che erano state ricoverate in ospedale con Covid-19 avevano circa tre volte più probabilità rispetto alle persone non infette di affrontare gravi problemi cardiovascolari entro otto mesi dal loro ricovero.
Un secondo studio ha rilevato che, nei 4 mesi successivi all’infezione, le persone che avevano avuto il Covid-19 avevano un rischio di insufficienza cardiaca di circa 2,5 volte maggiore rispetto a quelle che non erano state infettate.
Sarah Wulf Hanson dell’Institute for Health Metrics and Evaluation dell’Università di Washington a Seattle ha utilizzato i dati di Al-Aly per stimare a quanti attacchi di cuore e ictus è stato associato il Covid-19.
Il suo lavoro inedito suggerisce che, nel 2020, le complicazioni dopo Covid-19 hanno causato 12 mila ictus in più e 44 mila attacchi di cuore in più negli Stati Uniti, numeri che sono saliti a 18 mila ictus e 66 mila attacchi di cuore nel 2021.
Ciò significa che il Covid-19 avrebbe aumentato i tassi di infarto di circa l’8% e di ictus di circa il 2%. Gli effetti indiretti della pandemia, come visite mediche mancate, stress e la natura sedentaria dell’isolamento a casa, probabilmente hanno ulteriormente contribuito al carico cardiovascolare per molte persone, suggeriscono gli scienziati su Nature.
Tuttavia, questi numeri non corrispondono a ciò che alcuni ricercatori hanno osservato nella pratica clinica. In un piccolo studio su 52 persone, Gerry McCann, specialista in imaging cardiaco presso l’Università di Leicester, Regno Unito, e i suoi colleghi hanno scoperto che le persone che si erano riprese dopo essere state ricoverate in ospedale con Covid-19 non avevano un tasso di malattie cardiache maggiore di un gruppo di persone che avevano condizioni di base simili ma non erano state infettate.
Il processo era di ordini di grandezza inferiore a quello di Al-Aly, ma McCann e i suoi colleghi stanno lavorando a uno studio più ampio con circa 1.200 partecipanti.
I risultati devono ancora essere pubblicati, ma McCann afferma che “più dati acquisiamo, più l’ipotesi si rafforza”. Nonostante, ad oggi, i ricercatori abbiano un quadro incompleto degli effetti cardiovascolari di Covid-19, i medici raccomandano cautela.
Un gruppo di esperti convocato dall’American College of Cardiology consiglia ai medici di testare le persone che hanno avuto Covid-19 per problemi cardiovascolari se hanno fattori di rischio come l’età o l’immunodepressione.
Le risposte a molte domande sugli impatti a lungo termine del Covid-19 potrebbero provenire da un ampio studio chiamato Researching Covid to Enhance Recovery, o RECOVER, project, che mira a seguire 60 mila persone per un massimo di 4 anni in più di 200 paesi negli Stati Uniti.
Lo studio includerà partecipanti con long Covid, persone che sono state infettate e si sono riprese e altre che non sono mai state infettate.
Stuart Katz, della New York University è il ricercatore principale del processo. Lui e i suoi colleghi hanno in programma di studiare bambini, adulti, persone incinte e bambini nati durante la pandemia.

AGI – Il rischio di problemi cardiovascolari, come un infarto o un ictus, rimane elevato anche molti mesi dopo l’infezione da Sars-CoV-2.

A dirlo, diversi studi ed ora i ricercatori stanno iniziando a definire la frequenza di questi problemi. Su Nature, compare una rassegna dei principali studi attualmente disponibili sul tema.

Uno degli sforzi più ampi per caratterizzare ciò che accade al cuore e al sistema circolatorio dopo la fase acuta del Covid-19 è l’analisi di Ziyad Al-Aly, epidemiologo della Washington University di St. Louis, Missouri e dai suoi colleghi.

I ricercatori hanno confrontato più di 150 mila veterani che si erano ripresi da Covid-19 acuto con i loro coetanei non infetti, nonché con un gruppo di controllo pre-pandemia.

I ricercatori hanno utilizzato i dati del Dipartimento per gli affari dei veterani (VA) degli Stati Uniti per stimare la frequenza con cui il Covid-19 porta a problemi cardiovascolari.

I ricercatori hanno scoperto che le persone che avevano avuto la malattia hanno affrontato rischi sostanzialmente maggiori per 20 condizioni cardiovascolari nell’anno successivo all’infezione con il Sars-CoV-2.

I ricercatori affermano che queste complicazioni possono verificarsi anche in persone che sembrano essersi completamente riprese da una lieve infezione.

Ma anche le persone che non erano state ricoverate in ospedale avevano aumentato il rischio di molte condizioni, che andavano da un aumento dell’8% del tasso di attacchi di cuore a un aumento del 247% del tasso di infiammazione cardiaca.

Per Al-Aly, lo studio ha aggiunto al crescente corpo di prove che un attacco di Covid-19 può alterare in modo permanente la salute di alcune persone.

Alcuni studi più piccoli hanno rispecchiato questi risultati, ma altri trovano tassi più bassi di complicanze. Con milioni o forse addirittura miliardi di persone infettate da Sars-CoV-2, i medici si chiedono se la pandemia sarà seguita da una scossa di complicazioni di natura cardiovascolare.

Nel frattempo, i ricercatori stanno cercando di capire chi è più a rischio di questi problemi cardiaci, per quanto tempo persiste il rischio e cosa causa questi sintomi. Nature esamina le domande che gli scienziati si pongono e le risposte che hanno scoperto finora. Nonostante le sue grandi dimensioni, lo studio VA viene fornito con avvertimenti, affermano i ricercatori.

Lo studio è osservazionale, il che significa che riutilizza i dati raccolti per altri scopi, un metodo che può introdurre pregiudizi. Ad esempio, lo studio considera solo i veterani, il che significa che i dati sono distorti verso gli uomini bianchi.

Daniel Tancredi, uno statistico medico presso l’Università della California, Davis, sottolinea un’altra potenziale fonte di pregiudizi. Uno dei gruppi di controllo nello studio VA ha dovuto superare più di un anno senza prendere Sars-CoV-2 per essere incluso nello studio.

Potrebbero esserci differenze fisiologiche che hanno reso il gruppo di controllo meno propenso a contrarre la malattia, il che potrebbe anche influenzare la loro suscettibilità ai problemi cardiovascolari. Tuttavia, Tancredi pensa che lo studio sia stato ben progettato e che qualsiasi pregiudizio sia probabilmente minimo.

“Non direi che questi numeri siano esattamente giusti, ma sono sicuramente nel campo di battaglia”, dice. Spera che futuri studi prospettici mettano a punto le stime di Al-Aly. Altri studi arrivano a risultati simili.

I dati del sistema sanitario inglese, ad esempio, mostrano che le persone che erano state ricoverate in ospedale con Covid-19 avevano circa tre volte più probabilità rispetto alle persone non infette di affrontare gravi problemi cardiovascolari entro otto mesi dal loro ricovero.

Un secondo studio ha rilevato che, nei 4 mesi successivi all’infezione, le persone che avevano avuto il Covid-19 avevano un rischio di insufficienza cardiaca di circa 2,5 volte maggiore rispetto a quelle che non erano state infettate.

Sarah Wulf Hanson dell’Institute for Health Metrics and Evaluation dell’Università di Washington a Seattle ha utilizzato i dati di Al-Aly per stimare a quanti attacchi di cuore e ictus è stato associato il Covid-19.

Il suo lavoro inedito suggerisce che, nel 2020, le complicazioni dopo Covid-19 hanno causato 12 mila ictus in più e 44 mila attacchi di cuore in più negli Stati Uniti, numeri che sono saliti a 18 mila ictus e 66 mila attacchi di cuore nel 2021.

Ciò significa che il Covid-19 avrebbe aumentato i tassi di infarto di circa l’8% e di ictus di circa il 2%. Gli effetti indiretti della pandemia, come visite mediche mancate, stress e la natura sedentaria dell’isolamento a casa, probabilmente hanno ulteriormente contribuito al carico cardiovascolare per molte persone, suggeriscono gli scienziati su Nature.

Tuttavia, questi numeri non corrispondono a ciò che alcuni ricercatori hanno osservato nella pratica clinica. In un piccolo studio su 52 persone, Gerry McCann, specialista in imaging cardiaco presso l’Università di Leicester, Regno Unito, e i suoi colleghi hanno scoperto che le persone che si erano riprese dopo essere state ricoverate in ospedale con Covid-19 non avevano un tasso di malattie cardiache maggiore di un gruppo di persone che avevano condizioni di base simili ma non erano state infettate.

Il processo era di ordini di grandezza inferiore a quello di Al-Aly, ma McCann e i suoi colleghi stanno lavorando a uno studio più ampio con circa 1.200 partecipanti.

I risultati devono ancora essere pubblicati, ma McCann afferma che “più dati acquisiamo, più l’ipotesi si rafforza”. Nonostante, ad oggi, i ricercatori abbiano un quadro incompleto degli effetti cardiovascolari di Covid-19, i medici raccomandano cautela.

Un gruppo di esperti convocato dall’American College of Cardiology consiglia ai medici di testare le persone che hanno avuto Covid-19 per problemi cardiovascolari se hanno fattori di rischio come l’età o l’immunodepressione.

Le risposte a molte domande sugli impatti a lungo termine del Covid-19 potrebbero provenire da un ampio studio chiamato Researching Covid to Enhance Recovery, o RECOVER, project, che mira a seguire 60 mila persone per un massimo di 4 anni in più di 200 paesi negli Stati Uniti.

Lo studio includerà partecipanti con long Covid, persone che sono state infettate e si sono riprese e altre che non sono mai state infettate.

Stuart Katz, della New York University è il ricercatore principale del processo. Lui e i suoi colleghi hanno in programma di studiare bambini, adulti, persone incinte e bambini nati durante la pandemia.

Read MoreAgi