Alex Zanardi ha lasciato l’ospedale di Vicenza dopo 76 giorni

0
9

AGI – Alex Zanardi è stato dimesso dall’ospedale San Bortolo di Vicenza ed è tornato a casa, 76 giorni dopo il suo secondo ricovero nel reparto riabilitativo. Il 55enne ex pilota bolognese in questi due mesi e mezzo è stato seguito da fisiatri, fisioterapisti, logopedisti e infermieri per stabilizzare le condizioni cliniche generali sotto la supervisione del primario Giannettore Bertagnoni.
La struttura in Veneto, ha riferito il primario, resterà il punto di riferimento medico per il campione di handbike che nel giugno 2020 era stato investito da un camion durante una staffetta di beneficienza.
La moglie Daniela Manni e il figlio Niccolò, già nell’aprile del 2021 si erano rivolti all’ospedale vicentino per il recupero fisico e cognitivo dello sfortunato iron-man bolognese, a cui nel 2001 furono amputate le gambe.
Il nuovo ricovero era stato deciso dopo l’incendio divampato nella villa di Noventa Padovana che ha distrutto l’impianto fotovoltaico al quale sono collegati i macchinari che Alex utilizza nel percorso per un lento ritorno a una sufficiente normalità. Al San Bortolo è stato anche portato avanti il programma riabilitativo seguito durante il primo periodo di degenza.  

AGI – Alex Zanardi è stato dimesso dall’ospedale San Bortolo di Vicenza ed è tornato a casa, 76 giorni dopo il suo secondo ricovero nel reparto riabilitativo. Il 55enne ex pilota bolognese in questi due mesi e mezzo è stato seguito da fisiatri, fisioterapisti, logopedisti e infermieri per stabilizzare le condizioni cliniche generali sotto la supervisione del primario Giannettore Bertagnoni.

La struttura in Veneto, ha riferito il primario, resterà il punto di riferimento medico per il campione di handbike che nel giugno 2020 era stato investito da un camion durante una staffetta di beneficienza.

La moglie Daniela Manni e il figlio Niccolò, già nell’aprile del 2021 si erano rivolti all’ospedale vicentino per il recupero fisico e cognitivo dello sfortunato iron-man bolognese, a cui nel 2001 furono amputate le gambe.

Il nuovo ricovero era stato deciso dopo l’incendio divampato nella villa di Noventa Padovana che ha distrutto l’impianto fotovoltaico al quale sono collegati i macchinari che Alex utilizza nel percorso per un lento ritorno a una sufficiente normalità. Al San Bortolo è stato anche portato avanti il programma riabilitativo seguito durante il primo periodo di degenza.
 

Read MoreAgi