Pensioni: le rivalutazioni 2023 e l’impatto dell’inflazione. Cosa cambia

0
9

Rivalutazione pensioni per adeguamento all’inflazione, in Legge di Bilancio servono almeno 8-10 miliardi: come si applica l’indicizzazione 2022-2023.Pensioni, Inflazione

L’inflazione morde e restringe il potere d’acquisto delle famiglie, a partire come noto dalle spese energetiche. Il fenomeno avrà un impatto tangibile sui conti dello Stato anche per quanto riguarda la rivalutazione delle pensioni dal 1° gennaio 2023, per cui serviranno in Manovra non meno di 8/10 miliardi.

Inflazione 2023 e rivalutazione pensioni

Stando all’Ufficio Parlamentare di Bilancio, nel 2023 l’inflazione non scenderà sotto il 7%, dopo che in agosto il dato è salito fino all’8,4%, il massimo da quarant’anni a questa parte. Le pensioni verranno indicizzate in base all’andamento dell’inflazione 2022 e alle previsioni 2023. Nell’ipotesi di un’inflazione all’8%, la spesa pensionistica italiana crescerebbe di 8 miliardi.

Anticipo rivalutazione

Un anticipo della prevista rivalutazione dell’assegno pensionistico sarà riconosciuta già con le competenze di ottobre (in pagamento da novembre) nella misura del 2,2% per chi ha reddito fino a 35mila euro, che si riduce con il salire del reddito in base agli scaglioni previdenziali. Un aumento dello 0,2% riguarderà in ogni caso tutti gli assegni (conguaglio della rivalutazione 2022). L’aumento anticipato sarà declinato secondo le seguenti linee:

Circa 10 euro al mese per chi prende la pensione minima (524 euro);
Circa 20 euro al mese per gli assegni intorno ai mille euro;
50 euro al mese per chi percepisce pensione superiore a cinque volte il minimo.

Aumento pensioni 2023

Come accennato, oltre l’anticipo di ottobre/novembre, dal 1° gennaio 2023 arriverà anche la quota aggiuntiva dovuta per la rivalutazione all’inflazione, in base all’indice definitivo che l’ISTAT comunicherà il prossimo novembre. L’aumento dello 0,2% sulla pensione da gennaio riguarda tutti, a prescindere dal reddito, ed è così calibrato sulle seguenti fasce:

Fino a 4 volte il minimo; rivalutazione del 100% e dunque aumento dello 0,2%.
Da 4 a 5 volte il minimo (da circ 2mila a 2500 euro al mese): perequeazione al 90% e quindi aumento dello 0,18%.
Oltre 5 volte il minimo (oltre i 2500 euro lordi mensili): rivalutazione al 75% e quindi aumento dello 0,15%.

I pensionati con un reddito fino a 35mila euro applicano un ulteriore aumento del 2% (2,2% totale), calcolato sempre facendo riferimento alle medesime aliquote di perequazione. Coloro che hanno redditi da pensione più alti applicano la rivalutazione massima del 2% su 35mila euro, con un conseguente aumento intorno ai 50 euro al mese.

Read MoreQuiFinanza

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.