Due missili russi sono caduti in Polonia provocando due morti

0
11

AGI – Missili russi sono caduti sulla Polonia, Paese membro della Nato, e ci sono due morti. Lo ha riferito l’Associated Press citando una fonte dell’intelligence Usa.
Il primo ministro polacco, Mateusz Morawiecki, ha convocato d’urgenza il Consiglio dei ministri per la sicurezza nazionale e la difesa. La conferma è arrivata dal portavoce del governo Piotr Müller, dopo che due persone sono morte per due missili russi caduti su Przewodow, vicino al confine ucraino.
 

#BREAKING: Pentagon spokesperson says US is “aware of press reports” of Russian missiles crossing into Poland, but cannot corroborate reports at this time. -Factal #BreakingNews https://t.co/URWGjouYSd — Breaking 4 News (@Breaking_4_News)
November 15, 2022

 
Il Pentagono: a difesa d’ogni centimetro territorio Nato
Gli Stati Uniti difenderanno “ogni centimetro di territorio Nato”, come prevede l’articolo 5: lo ha detto il portavoce del Pentagono Pat Ryder alla stampa dopo la caduta di missili russi in Polonia.
Ryder ha precisato che il Pentagono sta ancora indagando sulla caduta dei missili in territorio polacco.
“Fino a questo momento non abbiamo ulteriori dettagli” ha aggiunto il portavoce del Pentagono, in particolare circa la provenienza dei missili.
L’Intelligence Usa conferma, missili su una fattoria
Secondo l’intelligence Usa, i missili russi in territorio polacco sono caduti su una fattoria. È stata inoltre confermata la morte di due persone che sono decedute nell’esplosione in località Przewodów, dove sono all’opera i pompieri polacchi.
La condanna dalla Lettonia
“Il criminale regime russo ha lanciato missili che hanno preso di mira non solo i civili ucraini, ma sono anche caduti su territorio Nato in Polonia. La Lettonia sostiene pienamente gli amici polacchi e condanna questo crimine”. Lo ha affermato il ministro della Difesa lettone, Artis Pabriks.
La Nato esaminerà opportunità di una risposta
Dopo il lancio di missili russi in territorio polacco, la Nato esaminerà l’opportunità di una risposta come prevede l’articolo 5 del Trattato Nord Atlantico siglato nel 1949.
La reazione all’attacco non è automatica, anche se ne viene legittimata. L’articolo recita infatti che “le parti convengono che un attacco armato contro una o più di esse in Europa o nell’America settentrionale sarà considerato come un attacco diretto contro tutte le parti, e di conseguenza convengono che se un tale attacco si producesse, ciascuna di esse, nell’esercizio del diritto di legittima difesa, individuale o collettiva, riconosciuto dall’ari. 51 dello Statuto delle Nazioni Unite, assisterà la parte o le parti così attaccate intraprendendo immediatamente, individualmente e di concerto con le altre parti, l’azione che giudicherà necessaria, ivi compreso l’uso della forza armata, per ristabilire e mantenere la sicurezza nella regione dell’Atlantico settentrionale”.
Quella della risposta armata è, in altre parole, una fra le opzioni previste. A chi spetta valutare la risposta della Nato? Al Consiglio di Sicurezza dei Paesi membri: “Ogni attacco armato di questo genere e tutte le misure prese in conseguenza di esso”, prosegue l’articolo 5, “saranno immediatamente portate a conoscenza del Consiglio di Sicurezza. Queste misure termineranno allorché il Consiglio di Sicurezza avrà preso le misure necessarie per ristabilire e mantenere la pace e la sicurezza internazionali”.
A marzo scorso il presidente americano Joe Biden aveva ribadito all’omologo polacco Andrzej Duda, riferendosi all’articolo 5 del Trattato, che esso costituisce un “vincolo sacro”. La Polonia è membro Nato dal 1999.

AGI – Missili russi sono caduti sulla Polonia, Paese membro della Nato, e ci sono due morti. Lo ha riferito l’Associated Press citando una fonte dell’intelligence Usa.

Il primo ministro polacco, Mateusz Morawiecki, ha convocato d’urgenza il Consiglio dei ministri per la sicurezza nazionale e la difesa. La conferma è arrivata dal portavoce del governo Piotr Müller, dopo che due persone sono morte per due missili russi caduti su Przewodow, vicino al confine ucraino.

 

#BREAKING: Pentagon spokesperson says US is “aware of press reports” of Russian missiles crossing into Poland, but cannot corroborate reports at this time. -Factal #BreakingNews https://t.co/URWGjouYSd

— Breaking 4 News (@Breaking_4_News)
November 15, 2022

 

Il Pentagono: a difesa d’ogni centimetro territorio Nato

Gli Stati Uniti difenderanno “ogni centimetro di territorio Nato”, come prevede l’articolo 5: lo ha detto il portavoce del Pentagono Pat Ryder alla stampa dopo la caduta di missili russi in Polonia.

Ryder ha precisato che il Pentagono sta ancora indagando sulla caduta dei missili in territorio polacco.

“Fino a questo momento non abbiamo ulteriori dettagli” ha aggiunto il portavoce del Pentagono, in particolare circa la provenienza dei missili.

L’Intelligence Usa conferma, missili su una fattoria

Secondo l’intelligence Usa, i missili russi in territorio polacco sono caduti su una fattoria. È stata inoltre confermata la morte di due persone che sono decedute nell’esplosione in località Przewodów, dove sono all’opera i pompieri polacchi.

La condanna dalla Lettonia

“Il criminale regime russo ha lanciato missili che hanno preso di mira non solo i civili ucraini, ma sono anche caduti su territorio Nato in Polonia. La Lettonia sostiene pienamente gli amici polacchi e condanna questo crimine”. Lo ha affermato il ministro della Difesa lettone, Artis Pabriks.

La Nato esaminerà opportunità di una risposta

Dopo il lancio di missili russi in territorio polacco, la Nato esaminerà l’opportunità di una risposta come prevede l’articolo 5 del Trattato Nord Atlantico siglato nel 1949.

La reazione all’attacco non è automatica, anche se ne viene legittimata. L’articolo recita infatti che “le parti convengono che un attacco armato contro una o più di esse in Europa o nell’America settentrionale sarà considerato come un attacco diretto contro tutte le parti, e di conseguenza convengono che se un tale attacco si producesse, ciascuna di esse, nell’esercizio del diritto di legittima difesa, individuale o collettiva, riconosciuto dall’ari. 51 dello Statuto delle Nazioni Unite, assisterà la parte o le parti così attaccate intraprendendo immediatamente, individualmente e di concerto con le altre parti, l’azione che giudicherà necessaria, ivi compreso l’uso della forza armata, per ristabilire e mantenere la sicurezza nella regione dell’Atlantico settentrionale”.

Quella della risposta armata è, in altre parole, una fra le opzioni previste. A chi spetta valutare la risposta della Nato? Al Consiglio di Sicurezza dei Paesi membri: “Ogni attacco armato di questo genere e tutte le misure prese in conseguenza di esso”, prosegue l’articolo 5, “saranno immediatamente portate a conoscenza del Consiglio di Sicurezza. Queste misure termineranno allorché il Consiglio di Sicurezza avrà preso le misure necessarie per ristabilire e mantenere la pace e la sicurezza internazionali”.

A marzo scorso il presidente americano Joe Biden aveva ribadito all’omologo polacco Andrzej Duda, riferendosi all’articolo 5 del Trattato, che esso costituisce un “vincolo sacro”. La Polonia è membro Nato dal 1999.

Read MoreAgi