Chi cammina nel verde usa meno farmaci contro depressione e ansia

0
5

AGI – Passeggiate frequenti in parchi e boschi, cosi’ come una vista del balcone che affaccia sul verde, riducono le prescrizioni mediche di farmaci. A dirlo, una nuova ricerca pubblicata online su Occupational & Environmental Medicine. I ricercatori finlandesi del Finnish Institute for Health and Welfare hanno osservato, infatti, un’associazione tra frequenti visite agli spazi verdi e minor uso di farmaci per la depressione, l’ansia, l’insonnia, l’ipertensione e l’asma. Le associazioni osservate non dipendevano dalla posizione socioeconomica.
Le tre città studio
I ricercatori hanno attinto alle risposte di 16.000 residenti selezionati a caso di Helsinki, Espoo e Vantaa, all’indagine sulla salute ambientale della regione della capitale di Helsinki nel 2015-16.
Queste tre città costituiscono la più grande area urbana della Finlandia. Il sondaggio ha raccolto informazioni su come gli abitanti delle città, di almeno 25 anni, vivono gli spazi residenziali verdi e blu entro un raggio di 1 km da casa.
Agli intervistati è stato anche chiesto di segnalare il loro uso di farmaci prescritti: farmaci per l’ansia, l’insonnia e la depressione, noti come farmaci psicotropi; farmaci per l’ipertensione e l’asma, se applicabile, per periodi che vanno dall’ultima settimana fino a più di un anno fa o mai. è stato anche chiesto loro quanto spesso trascorrevano del tempo, o si esercitavano all’aperto, in spazi verdi, nei mesi di maggio e settembre, con opzioni che andavano da mai a 5 o più volte a settimana. 
A loro è stato chiesto se riuscivano a vedere spazi verdi o blu da una qualsiasi delle loro finestre di casa e, in tal caso, con quale frequenza hanno osservato queste viste, con opzioni che vanno da raramente a spesso. Le aree verdi sono state definite come foreste, giardini, parchi, parchi di castelli, cimiteri, giardini zoologici, vegetazione erbacea come praterie e brughiere naturali e zone umide.
Le aree blu sono state definite come mare, laghi e fiumi. Sono stati presi in considerazione anche fattori potenzialmente influenti, tra cui i comportamenti legati alla salute, l’inquinamento dell’aria esterna e il rumore, il reddito familiare e il livello di istruzione. L’analisi finale ha incluso circa 6000 partecipanti che hanno fornito informazioni complete.
Ciò ha dimostrato che la quantità di spazi verdi e blu residenziali, o le viste da casa, non erano associati all’uso di farmaci da prescrizione per la salute mentale, l’insonnia, l’ipertensione o l’asma. Ma la frequenza delle visite agli spazi verdi era un fattore variabile: rispetto a meno di una visita settimanale, la visita 3-4 volte alla settimana è stata associata a probabilità inferiori del 33% di utilizzare farmaci per la salute mentale, probabilità inferiori del 36% di utilizzare farmaci per la pressione sanguigna e probabilità inferiori del 26% di utilizzare farmaci per l’asma.
Le cifre equivalenti per le visite almeno 5 volte a settimana erano, rispettivamente, inferiori del 22%, 41% e 24%. Queste associazioni osservate sono state indebolite quando è stato preso in considerazione il peso (BMI), in particolare per i farmaci per l’asma, poichè l’obesità è un noto fattore di rischio per l’asma, sottolineano i ricercatori.
Gli effetti della visita agli spazi verdi sono stati anche più forti tra coloro che riportano il reddito familiare annuo più basso, sotto i 30.000 euro. Ma nel complesso, le associazioni trovate non dipendevano dal reddito familiare e dal livello di istruzione. Questo è uno studio osservazionale e quindi non può stabilire causa ed effetto, affermano i ricercatori che sperano che questo studio “aumenti l’offerta di spazi verdi di alta qualità negli ambienti urbani e ne promuova l’uso attivo. Questo potrebbe essere un modo per migliorare la salute e il benessere nelle città”.

AGI – Passeggiate frequenti in parchi e boschi, cosi’ come una vista del balcone che affaccia sul verde, riducono le prescrizioni mediche di farmaci. A dirlo, una nuova ricerca pubblicata online su Occupational & Environmental Medicine. I ricercatori finlandesi del Finnish Institute for Health and Welfare hanno osservato, infatti, un’associazione tra frequenti visite agli spazi verdi e minor uso di farmaci per la depressione, l’ansia, l’insonnia, l’ipertensione e l’asma. Le associazioni osservate non dipendevano dalla posizione socioeconomica.

Le tre città studio

I ricercatori hanno attinto alle risposte di 16.000 residenti selezionati a caso di Helsinki, Espoo e Vantaa, all’indagine sulla salute ambientale della regione della capitale di Helsinki nel 2015-16.

Queste tre città costituiscono la più grande area urbana della Finlandia. Il sondaggio ha raccolto informazioni su come gli abitanti delle città, di almeno 25 anni, vivono gli spazi residenziali verdi e blu entro un raggio di 1 km da casa.

Agli intervistati è stato anche chiesto di segnalare il loro uso di farmaci prescritti: farmaci per l’ansia, l’insonnia e la depressione, noti come farmaci psicotropi; farmaci per l’ipertensione e l’asma, se applicabile, per periodi che vanno dall’ultima settimana fino a più di un anno fa o mai. è stato anche chiesto loro quanto spesso trascorrevano del tempo, o si esercitavano all’aperto, in spazi verdi, nei mesi di maggio e settembre, con opzioni che andavano da mai a 5 o più volte a settimana. 

A loro è stato chiesto se riuscivano a vedere spazi verdi o blu da una qualsiasi delle loro finestre di casa e, in tal caso, con quale frequenza hanno osservato queste viste, con opzioni che vanno da raramente a spesso. Le aree verdi sono state definite come foreste, giardini, parchi, parchi di castelli, cimiteri, giardini zoologici, vegetazione erbacea come praterie e brughiere naturali e zone umide.

Le aree blu sono state definite come mare, laghi e fiumi. Sono stati presi in considerazione anche fattori potenzialmente influenti, tra cui i comportamenti legati alla salute, l’inquinamento dell’aria esterna e il rumore, il reddito familiare e il livello di istruzione. L’analisi finale ha incluso circa 6000 partecipanti che hanno fornito informazioni complete.

Ciò ha dimostrato che la quantità di spazi verdi e blu residenziali, o le viste da casa, non erano associati all’uso di farmaci da prescrizione per la salute mentale, l’insonnia, l’ipertensione o l’asma. Ma la frequenza delle visite agli spazi verdi era un fattore variabile: rispetto a meno di una visita settimanale, la visita 3-4 volte alla settimana è stata associata a probabilità inferiori del 33% di utilizzare farmaci per la salute mentale, probabilità inferiori del 36% di utilizzare farmaci per la pressione sanguigna e probabilità inferiori del 26% di utilizzare farmaci per l’asma.

Le cifre equivalenti per le visite almeno 5 volte a settimana erano, rispettivamente, inferiori del 22%, 41% e 24%. Queste associazioni osservate sono state indebolite quando è stato preso in considerazione il peso (BMI), in particolare per i farmaci per l’asma, poichè l’obesità è un noto fattore di rischio per l’asma, sottolineano i ricercatori.

Gli effetti della visita agli spazi verdi sono stati anche più forti tra coloro che riportano il reddito familiare annuo più basso, sotto i 30.000 euro. Ma nel complesso, le associazioni trovate non dipendevano dal reddito familiare e dal livello di istruzione. Questo è uno studio osservazionale e quindi non può stabilire causa ed effetto, affermano i ricercatori che sperano che questo studio “aumenti l’offerta di spazi verdi di alta qualità negli ambienti urbani e ne promuova l’uso attivo. Questo potrebbe essere un modo per migliorare la salute e il benessere nelle città”.

Read MoreAgi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.