Messina Denaro fa la chemio e rinuncia all’udienza

0
4

Read More(Adnkronos) – (dall’inviata Elvira Terranova) – “L’imputato Messina Denaro Matteo ha rinunciato a presenziare all’udienza”. Sono le 10.43 quando il cancelliere del carcere di massima sicurezza dell’Aquila scandisce, collegato in videoconferenza con l’aula bunker del carcere Malaspina di Caltanissetta, lentamente, queste parole. La sedia preparata per il boss mafioso, arrestato lunedì mattina, dopo 30 anni di latitanza, rimane vuota. Il boss non partecipa all’udienza del processo che lo vede imputato come mandante delle stragi mafiose del 1992, perché impegnato nella seduta di chemioterapia saltata nel momento della cattura. In primo grado Messina Denaro era stato condannato all’ergastolo. L’udienza prosegue, ma solo per pochi minuti. Perché l’avvocato d’ufficio del boss, Salvatore Baglio, prende la parola per annunciare subito di essere stato delegato dal legale di fiducia di Messina Denaro, l’avvocata Lorenza Guttadauro, nipote del boss, a rappresentarla. E per chiedere la concessione di un termine a difesa rappresentando che la notifica dell’ordinanza cautelare all’imputato e la contestuale nomina dell’avvocato di fiducia è avvenuta solo oggi. Richiesta accolta dalla Presidente della Corte d’Assise d’Appello di Caltanissetta, Maria Carmela Giannazzo, che rinvia il processo al prossimo 9 marzo. In quella data, con ogni probabilità, Messina Denaro, si potrebbe presentare, sempre in videoconferenza, dal carcere in cui è detenuto.cronaca(Adnkronos) – (dall’inviata Elvira Terranova) – “L’imputato Messina Denaro Matteo ha rinunciato a presenziare all’udienza”. Sono le 10.43 quando il cancelliere del carcere di massima sicurezza dell’Aquila scandisce, collegato in videoconferenza con l’aula bunker del carcere Malaspina di Caltanissetta, lentamente, queste parole. La sedia preparata per il boss mafioso, arrestato lunedì mattina, dopo 30 anni di latitanza, rimane vuota. Il boss non partecipa all’udienza del processo che lo vede imputato come mandante delle stragi mafiose del 1992, perché impegnato nella seduta di chemioterapia saltata nel momento della cattura. In primo grado Messina Denaro era stato condannato all’ergastolo. L’udienza prosegue, ma solo per pochi minuti. Perché l’avvocato d’ufficio del boss, Salvatore Baglio, prende la parola per annunciare subito di essere stato delegato dal legale di fiducia di Messina Denaro, l’avvocata Lorenza Guttadauro, nipote del boss, a rappresentarla. E per chiedere la concessione di un termine a difesa rappresentando che la notifica dell’ordinanza cautelare all’imputato e la contestuale nomina dell’avvocato di fiducia è avvenuta solo oggi. Richiesta accolta dalla Presidente della Corte d’Assise d’Appello di Caltanissetta, Maria Carmela Giannazzo, che rinvia il processo al prossimo 9 marzo. In quella data, con ogni probabilità, Messina Denaro, si potrebbe presentare, sempre in videoconferenza, dal carcere in cui è detenuto.Adnkronos – ultimora

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.