Tutti pazzi per gli Uffizi, nel 2022 boom di visitatori e record di incassi

0
8

AGI – Oltre 4 milioni di visitatori, più del doppio dello scorso anno (quando furono circa 1 milione e settecentomila), e appena 300 mila in meno del massimo storico, circa 4,4 milioni, raggiunto nel 2019, ultimo anno pre pandemia.
Record di sempre per gli incassi (grazie anche a circa 2 milioni arrivati dalle mostre organizzate all’estero): oltre 35 milioni di euro, un milione in più sempre rispetto all’ ‘anno d’oro 2019, quando furono poco più di 34. Sono alcuni dei numeri più significativi del bilancio dell’attività messa in campo dalle Gallerie degli Uffizi nel 2022. 
Un anno in cui il principale complesso museale di Firenze è tornato a crescere impetuosamente: “Dopo le sofferenze della pandemia con oltre 40 milioni di introiti mancati, nel 2022 siamo quasi tornati a livelli pre-pandemici e grazie alla diversificazione di flussi di reddito abbiamo raggiunto il massimo mai realizzato per le Gallerie – spiega il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt – un risultato necessario per poter riprendere a pieni ritmi manutenzioni straordinarie e l’attività di tutela e valorizzazione in parte rallentata durante la pandemia a causa della scarsità di fondi”.
“Siamo perfettamente posizionati per raggiungere nuovi traguardi – aggiunge -, sia sul fronte delle visite che degli introiti, nell’anno appena iniziato”. Sono stati 4.066.366 complessivamente gli ingressi nei tre spazi delle Gallerie (Uffizi, Palazzo Pitti, Giardini di Boboli): un aumento del +136,2% rispetto al 2021 (1.721.637), e solo -7,4% in confronto all’anno dei record 2019 (quando erano state 4.391.861).
Alla Galleria degli Uffizi sono andate 2.222.692 persone (+129,22%), a Palazzo Pitti 650.612 (171,87%), al Giardino di Boboli 1.193.062 (132,73%). Il 2022 alle Gallerie è stato anno top di sempre per quanto riguarda gli incassi delle Gallerie: ben 35.030.387 euro, +2,7% rispetto al precedente massimo, raggiunto nel 2019 con 34.097.744 euro.
Dalla bigliettazione sono arrivati 28.638.111 euro (+142,6% rispetto al 2021), mostre e prestiti all’estero hanno fruttato quasi due milioni, 1.921.726 euro, 1.050.000 l’ammontare delle donazioni. Le entrate dirette (diritti d’immagine, affitti spazi per eventi e riprese cinematografiche, ecc.) sono state 1.322.803, quelle indirette (royalties e canoni fissi) 2.097.747.
Sono stati 164 i restauri di opere (86 piuù del 2021), tra i quali la Pala di Santa Lucia De’ Magnoli di Domenico Veneziano e la Pala Macinghi di Andrea del Verrocchio (entrambi a cura dell’Opificio delle Pietre Dure).
126 gli interventi di recupero e progettazione architettonica; un milione di euro donati tramite Amici degli Uffizi e Friends degli Uffizi Galleries dalla filantropa statunitense Veronica Atkins, per realizzare il restauro della Sala di Bona in Palazzo Pitti e del ciclo di mediceo degli Arazzi Valois; il restauro completo delle Reali Poste degli Uffizi e della Biblioteca Magliabechiana (con nuova illuminazione a led).
Nel Giardino di Boboli il restauro della Kaffeehaus (composta, oltre che dalla caffetteria, da giardino, terrazze e belvedere panoramici), il Giardino delle Camelie, la conclusione del restauro del Viale dei Montaccini con annessa fontana (ripristinata con soluzioni ecosostenibili), che consentono oggi la riapertura al pubblico; la conclusione della prima parte di lavori del Giardino dei Principi; la nuova segnaletica (40 pali, 173 frecce, 118 cartelli con mappe e info).
Quanto alle mostre, sono state 26 quelle organizzate nel 2022. Dieci alle Gallerie, con un forte accento sull’arte contemporanea: dalla creature fantastiche dell’artista belga Koen Vanmechelen, disseminate tra i capolavori del museo, alla prima personale in Italia di Sammy Baloji le cui opere site-specific hanno arricchito le sale dell’Andito degli Angiolini, Palazzo Pitti, in un intrecciano di motivi e narrazioni ricavati da oggetti che arrivavano dai “Regni Kongo”, alla mostra Per Dafne e le Altre in occasione della Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne, in cui le fotografie di Elisa Montessori ripercorrono il mito ovidiano in chiave moderna.
Tra le 16 mostre off-site sono da segnalare grandi iniziative nazionali e internazionali (dal Castello di Miramare a Minneapolis a Shanghai), ma anche 13 trasferte che si inseriscono nell’iniziativa degli Uffizi Diffusi, di cui 8 all’interno del progetto “Terre degli Uffizi” organizzato insieme alla Fondazione CR Firenze (Uffizi Diffusi a Monsummamo Terme, Casole d’Elsa, Portoferraio, Lucca, Pietrasanta; Terre degli Uffizi a San Casciano, San Giovanni Valdarno, Poppi, Arezzo, Scarperia/San Piero a Sieve, Anghiari, Montespertoli, Cascia).
Circa le donazioni e gli acquisti, il patrimonio artistico delle Gallerie si è arricchito grazie a 75 donazioni di opere (da segnalare il ritratto di Gaetano Berenstadt di Giovacchino Fortini, l’Ascensione di Cristo di Maso da San Friano donato dai Freinds of Uffizi Galleries e infine Ubuntu dell’artista belga Koen Vanmechelen; 288 gli acquisti (da segnalare, il ritratto del conte Lucini imprigionato di Francesco Hayez (1828), la scultura di testa maschile della seconda metà I Sec. a.C. e ‘Amore Castigato’ di Camillo Mainardi dove Marte fustiga Amore inseguito da una Furia per un totale di 363 nuove opere d’arte tra disegni, dipinti e sculture.
Numerosi sono stati anche i riconoscimenti, internazionali e nazionali, raccolti lo scorso anno dal museo. Si ricordano il premio Aretè per le Digital Humanities (diciannovesima edizione), l’attribuzione di Progetto Valore da SDA Bocconi School of Management per l’iniziativa Uffizi per tutti, a cui si aggiunge il Quality Choice Award grazie all’European Society for Quality Research assegnato a coloro che promuovono e diffondono qualità e innovazione nei servizi e nelle performance di aziende e amministrazioni pubbliche.
Sotto il profilo della comunicazione digitale: Sono oltre un milione i follower degli Uffizi su tutte le piattaforme social: per l’esattezza, 1.087.000 (Instagram 732.586, 67% del totale; Facebook 142.636, 14%; Tik Tok 141.300, 13%; Twitter 70.478, 6%).
Il profilo Instagram delle Gallerie cresce del 7,48% rispetto al 2021; gli utenti di Twitter aumentano del 20,77%, quelli di Facebook del 12,6%, e TikTok amplia il suo pubblico del 46,57%. Sul sito web del museo, www.uffizi.it, nel 2022 si sono registrate 15.567.375 (+16,8%) visualizzazioni, da un totale di 2.712.476 utenti (+13%). 4 sono state le nuove mostre virtuali pubblicate durante l’anno. 
 

AGI – Oltre 4 milioni di visitatori, più del doppio dello scorso anno (quando furono circa 1 milione e settecentomila), e appena 300 mila in meno del massimo storico, circa 4,4 milioni, raggiunto nel 2019, ultimo anno pre pandemia.

Record di sempre per gli incassi (grazie anche a circa 2 milioni arrivati dalle mostre organizzate all’estero): oltre 35 milioni di euro, un milione in più sempre rispetto all’ ‘anno d’oro 2019, quando furono poco più di 34. Sono alcuni dei numeri più significativi del bilancio dell’attività messa in campo dalle Gallerie degli Uffizi nel 2022. 

Un anno in cui il principale complesso museale di Firenze è tornato a crescere impetuosamente: “Dopo le sofferenze della pandemia con oltre 40 milioni di introiti mancati, nel 2022 siamo quasi tornati a livelli pre-pandemici e grazie alla diversificazione di flussi di reddito abbiamo raggiunto il massimo mai realizzato per le Gallerie – spiega il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt – un risultato necessario per poter riprendere a pieni ritmi manutenzioni straordinarie e l’attività di tutela e valorizzazione in parte rallentata durante la pandemia a causa della scarsità di fondi”.

“Siamo perfettamente posizionati per raggiungere nuovi traguardi – aggiunge -, sia sul fronte delle visite che degli introiti, nell’anno appena iniziato”.
Sono stati 4.066.366 complessivamente gli ingressi nei tre spazi delle Gallerie (Uffizi, Palazzo Pitti, Giardini di Boboli): un aumento del +136,2% rispetto al 2021 (1.721.637), e solo -7,4% in confronto all’anno dei record 2019 (quando erano state 4.391.861).

Alla Galleria degli Uffizi sono andate 2.222.692 persone (+129,22%), a Palazzo Pitti 650.612 (171,87%), al Giardino di Boboli 1.193.062 (132,73%).
Il 2022 alle Gallerie è stato anno top di sempre per quanto riguarda gli incassi delle Gallerie: ben 35.030.387 euro, +2,7% rispetto al precedente massimo, raggiunto nel 2019 con 34.097.744 euro.

Dalla bigliettazione sono arrivati 28.638.111 euro (+142,6% rispetto al 2021), mostre e prestiti all’estero hanno fruttato quasi due milioni, 1.921.726 euro, 1.050.000 l’ammontare delle donazioni. Le entrate dirette (diritti d’immagine, affitti spazi per eventi e riprese cinematografiche, ecc.) sono state 1.322.803, quelle indirette (royalties e canoni fissi) 2.097.747.

Sono stati 164 i restauri di opere (86 piuù del 2021), tra i quali la Pala di Santa Lucia De’ Magnoli di Domenico Veneziano e la Pala Macinghi di Andrea del Verrocchio (entrambi a cura dell’Opificio delle Pietre Dure).

126 gli interventi di recupero e progettazione architettonica; un milione di euro donati tramite Amici degli Uffizi e Friends degli Uffizi Galleries dalla filantropa statunitense Veronica Atkins, per realizzare il restauro della Sala di Bona in Palazzo Pitti e del ciclo di mediceo degli Arazzi Valois; il restauro completo delle Reali Poste degli Uffizi e della Biblioteca Magliabechiana (con nuova illuminazione a led).

Nel Giardino di Boboli il restauro della Kaffeehaus (composta, oltre che dalla caffetteria, da giardino, terrazze e belvedere panoramici), il Giardino delle Camelie, la conclusione del restauro del Viale dei Montaccini con annessa fontana (ripristinata con soluzioni ecosostenibili), che consentono oggi la riapertura al pubblico; la conclusione della prima parte di lavori del Giardino dei Principi; la nuova segnaletica (40 pali, 173 frecce, 118 cartelli con mappe e info).

Quanto alle mostre, sono state 26 quelle organizzate nel 2022. Dieci alle Gallerie, con un forte accento sull’arte contemporanea: dalla creature fantastiche dell’artista belga Koen Vanmechelen, disseminate tra i capolavori del museo, alla prima personale in Italia di Sammy Baloji le cui opere site-specific hanno arricchito le sale dell’Andito degli Angiolini, Palazzo Pitti, in un intrecciano di motivi e narrazioni ricavati da oggetti che arrivavano dai “Regni Kongo”, alla mostra Per Dafne e le Altre in occasione della Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne, in cui le fotografie di Elisa Montessori ripercorrono il mito ovidiano in chiave moderna.

Tra le 16 mostre off-site sono da segnalare grandi iniziative nazionali e internazionali (dal Castello di Miramare a Minneapolis a Shanghai), ma anche 13 trasferte che si inseriscono nell’iniziativa degli Uffizi Diffusi, di cui 8 all’interno del progetto “Terre degli Uffizi” organizzato insieme alla Fondazione CR Firenze (Uffizi Diffusi a Monsummamo Terme, Casole d’Elsa, Portoferraio, Lucca, Pietrasanta; Terre degli Uffizi a San Casciano, San Giovanni Valdarno, Poppi, Arezzo, Scarperia/San Piero a Sieve, Anghiari, Montespertoli, Cascia).

Circa le donazioni e gli acquisti, il patrimonio artistico delle Gallerie si è arricchito grazie a 75 donazioni di opere (da segnalare il ritratto di Gaetano Berenstadt di Giovacchino Fortini, l’Ascensione di Cristo di Maso da San Friano donato dai Freinds of Uffizi Galleries e infine Ubuntu dell’artista belga Koen Vanmechelen; 288 gli acquisti (da segnalare, il ritratto del conte Lucini imprigionato di Francesco Hayez (1828), la scultura di testa maschile della seconda metà I Sec. a.C. e ‘Amore Castigato’ di Camillo Mainardi dove Marte fustiga Amore inseguito da una Furia per un totale di 363 nuove opere d’arte tra disegni, dipinti e sculture.

Numerosi sono stati anche i riconoscimenti, internazionali e nazionali, raccolti lo scorso anno dal museo. Si ricordano il premio Aretè per le Digital Humanities (diciannovesima edizione), l’attribuzione di Progetto Valore da SDA Bocconi School of Management per l’iniziativa Uffizi per tutti, a cui si aggiunge il Quality Choice Award grazie all’European Society for Quality Research assegnato a coloro che promuovono e diffondono qualità e innovazione nei servizi e nelle performance di aziende e amministrazioni pubbliche.

Sotto il profilo della comunicazione digitale: Sono oltre un milione i follower degli Uffizi su tutte le piattaforme social: per l’esattezza, 1.087.000 (Instagram 732.586, 67% del totale; Facebook 142.636, 14%; Tik Tok 141.300, 13%; Twitter 70.478, 6%).

Il profilo Instagram delle Gallerie cresce del 7,48% rispetto al 2021; gli utenti di Twitter aumentano del 20,77%, quelli di Facebook del 12,6%, e TikTok amplia il suo pubblico del 46,57%. Sul sito web del museo, www.uffizi.it, nel 2022 si sono registrate 15.567.375 (+16,8%) visualizzazioni, da un totale di 2.712.476 utenti (+13%). 4 sono state le nuove mostre virtuali pubblicate durante l’anno. 

 

Read MoreAgi

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.