Apple lo fa di nuovo: SSD più lenti sui nuovi modelli base di Mac mini e MacBook Pro

0
5

Si tratta della stessa pratica che abbiamo visto messa in atto anche sugli altri Mac con SoC M2

Con il lancio della prima generazione di prodotti basati su SoC M2MacBook Air e il MacBook Pro 13 -, Apple ha dato il via ad una pratica poco virtuosa che l’ha portata a risparmiare qualche dollaro sul costo dei materiali di assemblaggio, ovvero l’utilizzo di SSD più lenti sulle configurazioni base dei suoi nuovi computer.

Come abbiamo visto al tempo, il rallentamento non è dovuto alla scelta di equipaggiare i MacBook con memorie qualitativamente inferiori, bensì dal fatto di utilizzarne un quantitativo ridotto e andare quindi a inficiare le prestazioni di lettura e scrittura rispetto ai modelli precedenti. Ad esempio, la versione da 256 GB di MacBook Air 2020 faceva uso di 2 NAND da 128 GB in grado di offrire ottime velocità grazie alla possibilità di sfruttarle in in parallelo, cosa che si è persa con il MacBook Air 2022 a causa della presenza di 1 solo chip da 256 GB.

LA STORIA SI RIPETE

Sembra che Apple abbia scelto di mantenere questa (brutta) consuetudine anche sul nuovo Mac mini e persino sui ben più costosi MacBook Pro 14 e 16, i quali presentano tutti un minor numero di NAND nelle loro configurazioni base, rispetto a quanto offerto sui diretti predecessori.

CLICCA QUI PER CONTINUARE A LEGGERE

Read MoreAppleHDblog.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.