Sclerosi multipla: il sonno di scarsa qualità ne promuove lo sviluppo

0
2

Read More Un sonno insufficiente e disturbato durante l’adolescenza può aumentare il rischio di sviluppare, in età più adulta, la sclerosi multipla (SM), evidenzia uno studio pubblicato online sul Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry.  La SM è influenzata da fattori genetici e ambientali, tra cui il fumo, il peso adolescenziale (BMI), l’infezione da virus di Epstein-Barr,
Sclerosi multipla: il sonno di scarsa qualità ne promuove lo sviluppo è stato pubblicato per la prima volta su Lega Nerd. L’utilizzo dei testi contenuti su Lega Nerd è soggetto alla licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License. Altri articoli dello stesso autore: Cristina Rapagnà 

Un sonno insufficiente e disturbato durante l’adolescenza può aumentare il rischio di sviluppare, in età più adulta, la sclerosi multipla (SM), evidenzia uno studio pubblicato online sul Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry.  La SM è influenzata da fattori genetici e ambientali, tra cui il fumo, il peso adolescenziale (BMI), l’infezione da virus di Epstein-Barr, l’esposizione al sole e la vitamina D. Anche il lavoro a turni è stato collegato a un rischio maggiore di insorgenza della patologia, soprattutto in giovane età, ma non è stato valutato a fondo se i modelli di sonno – durata, alterazione dell’orologio corporeo e qualità del sonno – possano influire su questo rischio. Per approfondire questo aspetto, i ricercatori si sono basati su uno studio basato sulla popolazione, l’Epidemiological Investigation of Multiple Sclerosis (EIMS), che comprende residenti svedesi dai 16 ai 70 anni. Le persone con SM sono state reclutate da cliniche neurologiche ospedaliere e private e abbinate per età, sesso e area di residenza a due persone sane, selezionate a caso, dal registro nazionale della popolazione tra il 2005 e il 2013 e il 2015 e il 2018. I ricercatori si sono concentrati in particolare sui modelli di sonno nella fascia di età compresa tra i 15 e i 19 anni e l’analisi finale ha incluso 2075 persone con SM e 3164 senza la patologia al momento del reclutamento nello studio.

Lo studio

Ai partecipanti sono state chieste informazioni sulle loro abitudini di sonno a diverse età: durata del sonno nei giorni di lavoro o di scuola, nei fine settimana o nei giorni liberi. Il sonno breve è stato definito come meno di 7 ore per notte, il sonno adeguato come 7-9 ore e il sonno lungo come 10 o più ore. Le variazioni dei tempi di sonno tra i giorni di lavoro/scuola e i fine settimana/giorni liberi sono state calcolate durante gli anni dell’adolescenza (15-19 anni) e classificate come meno di 1 ora/notte, 1-3 ore e più di 3 ore. Ai partecipanti allo studio è stato anche chiesto di valutare la qualità del sonno durante i diversi periodi di età utilizzando una scala a 5 punti, dove 5 equivale a molto buono. L’età media in cui è stata diagnosticata la SM era di 34 anni. La durata e la qualità del sonno durante l’adolescenza erano associate al rischio di diagnosi di SM, che aumentava di pari passo con un numero inferiore di ore di sonno e con una qualità inferiore. Rispetto al dormire 7-9 ore a notte durante l’adolescenza, il sonno breve era associato a un rischio maggiore del 40% di sviluppare successivamente la SM, dopo aver tenuto conto di una serie di fattori potenzialmente influenti, tra cui il BMI all’età di 20 anni e il fumo. Ma il sonno prolungato, anche nei fine settimana o nei giorni liberi, non è stato associato a un aumento del rischio di SM. Allo stesso modo, la scarsa qualità del sonno, valutata soggettivamente durante questo periodo, è stata associata a un rischio maggiore del 50% di sviluppare la patologia. I cambiamenti nei tempi di sonno tra i giorni di lavoro/scuola e i fine settimana/giorni liberi non sembravano essere influenti. I risultati sono rimasti simili quando sono stati esclusi coloro che lavoravano su turni.

I ricercatori avvertono che i loro risultati devono essere interpretati con cautela a causa della potenziale causalità inversa, per cui un sonno insufficiente potrebbe essere la conseguenza di un danno neurologico piuttosto che il contrario. Tuttavia, sottolineano che è noto che un sonno troppo scarso e di scarsa qualità influisce sulle vie immunitarie e sulla segnalazione infiammatoria, mentre anche l’orologio corporeo è coinvolto nella regolazione della risposta immunitaria.

 

Insufficient sleep during adolescence and risk of multiple sclerosis: results from a Swedish case-control study (jnnp.bmj.com)

Sclerosi multipla: il sonno di scarsa qualità ne promuove lo sviluppo è stato pubblicato per la prima volta su Lega Nerd. L’utilizzo dei testi contenuti su Lega Nerd è soggetto alla licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License. Altri articoli dello stesso autore: Cristina Rapagnà

  Medicina, Natura, Scienze, disturbi del sonno, sclerosi multipla Scienze – Lega Nerd 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.